Pillole dimagranti: le pillole dimagranti aiutano davvero?

La maggior parte delle persone in sovrappeso o addirittura obese ha il desiderio di perdere peso. Dal momento che cambiare dieta e seguire un programma di esercizi può essere complesso ed estenuante, molti sognano la via più semplice per raggiungere il loro obiettivo: pillole dimagranti che fanno cadere i chili di troppo. Ma cosa sono le pillole dimagranti e quali pillole con quali ingredienti vengono utilizzati?

Interessante anche: Obesità: cause e conseguenze del sovrappeso >>

Ci sono pillole dimagranti che aiutano davvero?

Perdere peso con le pillole in teoria suona meglio di quanto non sia in realtà. Le pillole possono causare la perdita di peso in diversi modi. Quindi c’è per esempio soppressore dell’appetitoche sopprimono la sensazione di fame, così come bloccanti di grasso, che inibiscono l’assorbimento degli acidi grassi, riducendo così l’apporto calorico. Tuttavia, tutti questi rimedi sono accompagnati da effetti collaterali indesiderati che non dovresti sottovalutare.

Leggi anche: Perdere peso velocemente con le pillole dimagranti: è davvero possibile? >>

Questi farmaci da prescrizione possono causare perdita di peso

Oltre alle pillole appositamente progettate per perdere peso, ci sono anche farmaci che vengono effettivamente utilizzati per trattare condizioni come diabete o ipotiroidismo sono stati sviluppati e causano la perdita di peso come effetto collaterale. Di seguito sono spiegate le sue modalità d’azione, gli effetti collaterali, gli ingredienti e i pericoli.

Per ascoltare: Podcast “Dr. Riedl talkt”: Perdere peso con i farmaci >>

bloccanti di grasso

I bloccanti di grasso inibiscono il cosiddetto lipasi nello stomaco e nell’intestino e quindi può aiutare con la perdita di peso. Le lipasi in realtà scompongono gli acidi grassi assorbiti dal cibo in modo che possano essere assorbiti nell’intestino. I bloccanti di grasso come l’orlistat inibiscono questo processo in modo che vengano assorbiti meno grassi e calorie. Tuttavia, allo stesso tempo, i bloccanti dei grassi impediscono l’assorbimento delle vitamine liposolubili E, D, K e A. Ciò può portare a una carenza vitaminica. I bloccanti di grasso possono anche causare mal di testa, disturbi allo stomaco, indigestione e favorire infezioni respiratorie.

soppressore dell’appetito

Ci sono molti diversi tipi di soppressori dell’appetito. Alcuni vengono assunti per via orale, mentre altri, come la liraglutide, vengono iniettati sotto la pelle. I principi attivi in ​​esso contenuti sopprimono l’appetito o provocano un aumento della sensazione di sazietà. Queste pillole sono progettate per aiutarti a seguire una dieta. Il problema è che gli effetti collaterali a volte sono molto gravi: nausea, diarrea, costipazione, vomito e dolore addominale. Può anche portare a un calo dei livelli di zucchero nel sangue, che può essere piuttosto pericoloso. Con determinati alimenti, invece, si può provocare un aumento della sazietà senza effetti collaterali. Dovresti includere cibi ricchi di fibre nella tua dieta. Ad esempio, semi di lino, semi di chia, cereali integrali e qualsiasi verdura ti mantengono sazio a lungo e contrastano voglie e obesità.

Interessante anche: 10 consigli contro la voglia di dolce>>

Antidiabetici

La maggior parte dei farmaci per il diabete abbassa i livelli di zucchero nel sangue, portando a un migliore utilizzo del glucosio. Allo stesso tempo, meno zucchero viene immagazzinato come grasso nel fegato e nelle cellule adipose. La conseguenza? Perdere peso senza una dieta rigida. Negli studi sul diabete, gli antidiabetici come la metformina e il semaglutide sono stati in grado di ottenere una forte perdita di peso a lungo termine. Tuttavia, i gruppi di controllo, che hanno appena cambiato la loro dieta, generalmente hanno perso peso più velocemente. A causa dei numerosi effetti collaterali e dei conseguenti danni, tali farmaci possono essere somministrati solo sotto la consultazione e sotto la stretta supervisione di un medico. Gli effetti collaterali più comuni includono problemi gastrointestinali come nausea e dolore addominale.

Ormone tiroideo L-tiroxina

Questo ormone tiroideo è usato per trattare una tiroide ipoattiva. Poiché la sua modalità d’azione aumenta il metabolismo del corpo, il preparato può causare la perdita di peso e aiutare con la perdita di peso. Ma attenzione: il principio attivo del farmaco non è da sottovalutare: la L-tiroxina, però, rappresenta un forte intervento sull’equilibrio ormonale di una persona e quindi deve essere rigorosamente monitorata da un medico. Se le persone con una tiroide sana abusano di L-tiroxina, la ghiandola tiroidea può diventare iperattiva, con conseguenti gravi danni. La L-tiroxina può anche fermare l’attività cardiaca e innescare crampi muscolari e debolezza muscolare.

Conclusione: le pillole dimagranti sono pericolose?

L’assunzione di qualsiasi farmaco deve essere sempre attentamente monitorata da un medico. I farmaci qui presentati sono anche per lo più farmaci che sono stati effettivamente sviluppati per combattere alcune malattie, come l’ipotiroidismo o il diabete, e talvolta possono essere associati a gravi effetti collaterali e danni a lungo termine. Pertanto, è assolutamente necessario astenersi dall’utilizzare queste “pillole dimagranti” solo per la perdita di peso. In caso contrario, potrebbe causare danni al corpo. Fortunatamente, la maggior parte di questi preparati richiede una prescrizione in Germania e quindi dovrebbe essere utilizzata solo quando necessario dal punto di vista medico e non per la perdita di peso. L’unico modo per perdere peso senza effetti collaterali o sostanze malsane è quindi ancora un cambiamento di dieta a lungo termine combinato con l’esercizio.

Video: pillole dimagranti pericolose dall’estero

Leave a Reply

Your email address will not be published.