Questo è il motivo per cui il nettare d’agave non è salutare come pensavi

Lo zucchero non solo danneggia i nostri denti e può fare la differenza sulla bilancia, ma favorisce anche reazioni infiammatorie nel corpo, che a lungo andare aumentano il rischio di varie malattie. Non c’è da stupirsi, quindi, che molte persone optino per una dieta senza zucchero e si rivolgano a alternative. Un popolare sostituto dello zucchero è lo sciroppo d’agave.

Cos’è il nettare d’agave?

Lo sciroppo d’agave, noto anche come sciroppo d’agave, è un dolcificante ottenuto dal succo della pianta dell’agave. A differenza del miele, lo sciroppo ha un potere dolcificante più forte e una consistenza più sottile. La popolare alternativa allo zucchero è per lo più prodotta in Messico e può essere disponibile in diverse tonalità di colore. Le varietà più chiare hanno un sapore più neutro, mentre le varietà più scure hanno una nota di caramello.

Questo è il motivo per cui il nettare d’agave non è salutare come pensavi

Inoltre, se si utilizza il nettare d’agave 300 calorie per 100 grammi contiene meno calorie rispetto allo zucchero industriale convenzionale, sulla bilancia si può ancora sentire un eccesso di dolcificante. Il vantaggio qui è che è necessario utilizzare meno sciroppo d’agave a causa del maggiore potere dolcificante. Il problema con la popolare alternativa allo zucchero è anche il alto fruttosio – in questo paese è generalmente dal 75 all’80 percento. Il fruttosio può favorire l’obesità e le malattie correlate, proprio come lo zucchero convenzionale. Secondo gli studi, può anche favorire in quantità maggiori malattie come fegato grasso, gotta o ipertensione. Poiché lo sciroppo d’agave contiene piccole quantità di sostanze nutritive, a differenza dello zucchero da tavola, puoi ancora usarlo come sostituto dello zucchero, ma solo in piccole quantità.

Scarso equilibrio ecologico dello sciroppo d’agave

Oltre ai suoi ingredienti, il consumo regolare di sciroppo d’agave non è necessariamente consigliato in quanto ha un basso equilibrio ecologico. Poiché è ottenuto principalmente in Messico, ha una lunga rotta di esportazione per raggiungerci, che è associata a elevate emissioni di CO2. Inoltre, altre specie vegetali vengono soppiantate dalla coltivazione dell’agave e gli addetti alla raccolta devono lavorare in condizioni di lavoro precarie.

Video: 4 delle migliori alternative allo zucchero

Leave a Reply

Your email address will not be published.